Il sito www.farmaciabufalino.it utilizza cookies, anche di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti al loro uso.
Per info e disabilitazione leggere l'informativa Policy sui cookie.

Approfondimento

La stipsi

img104

La stipsi è un disturbo frequente in tutte le età che può avere conseguenze importanti sulla salute e sulla qualità della vita.

In generale, con il termine stipsi si intende un'alterazione della funzione intestinale caratterizzata da:
- riduzione della frequenza settimanale delle evacuazioni;
- difficoltà nello svuotamento intestinale;
- sforzo defecatorio;
- emissione di feci scarse e secche.

Si tratta di un disturbo che colpisce una larga parte della popolazione, con una prevalenza nel genere femminile, ma interessa anche bambini, anziani e donne in gravidanza.

Alla base dell'insorgenza della stipsi ci sono numerosi fattori, alcuni indipendenti da noi e dal nostro stile di vita e altri, invece, strettamente dipendenti.
Tra i fattori che non possiamo governare direttamente ci sono i meccanismi che regolano la motilità intestinale, il riassorbimento dell'acqua, quindi la consistenza e il volume delle feci, la sensibilità della mucosa e la presenza di batteri buoni all'interno del lume intestinale.
Tra i fattori, invece, che possiamo regolare e che sono responsabili del mantenimento o del peggioramento della stipsi ci sono le errate abitudini alimentari, come lo scarso apporto di fibre e di liquidi, comportamentali, quali la sedentarietà, igieniche, ovvero l'inibizione volontaria dello stimolo evacuativo a causa della mancanza di tempo.

La risoluzione del disturbo della stipsi, spesso sottovalutato, non è semplice, né immediata.

L'uso di tavolette a base di sennosidi per via orale o di microclismi e suppositori per via rettale può aiutare, ma deve essere considerato uno strumento risolutivo occasionale.

Il metodo più efficace per ottenere dei buoni risultati e un miglioramento della qualità della vita è una sana educazione alimentare e la correzione delle errate abitudini. Quindi:
- ingerire una certa quantità di acqua e di fibre per una corretta formazione delle feci, che, con il giusto grado di idratazione e un'adeguata quantità di batteri intestinali, saranno pronte all'eliminazione;
- praticare un'attività fisica costante per aiutare la motilità e, quindi, un regolare transito intestinale;
- trovare il tempo di defecare quando se ne avverte lo stimolo, preferibilmente al mattino dopo la prima colazione, per non alimentare la costipazione.

Aiutaci a crescere, lascia un commento su questa pagina

Ultime News

BENESSERE DELL'INTESTINO

GIOVEDI' 8 FEBBRAIO DALLE 9:00 ALLE 19:00
Se pensi di soffrire di colite, è il momento di curarla!
I sintomi più comuni sono stitichezza o diarrea, dolore e crampi addominali, gonfiore, flatulenza.
Vieni in Farmacia e prenota il tuo appuntamento!
DURATA MEDIA DELLA CONSULENZA: 20 minuti
COSTO DELLA CONSULENZA: Gratuita

Info

Se vuoi Richiedere Chiarimenti
Consigli Informazioni ed altro...

Compila il modulo